Per Pasquetta Gara Sociale a Casterno di Robecco

Tutti in piedi, please: TADASANA



Vi ricordate Shavasana? Vi è piaciuta questa posizione sdraiata? Bene, adesso provate a farla in piedi!

È la stessa cosa, solo che invece di avere il pavimento sotto tutto il corpo, lo avete solo sotto le piante dei piedi, e poi cambia anche il nome,..



Diventa TADASANA, la POSIZIONE DELLA MONTAGNA. Simbolicamente,  è un'asana che, radicandoci a terra, ci slancia verso il cielo. Pensando a un monte, i piedi uniti sono la base, la schiena ne è la struttura geologica (dritta ma non rigida, con le sue curve naturali), le braccia suggeriscono i declivi (lungo il corpo, tese e con i palmi all’interno), la testa svetta in alto.

Come al solito, sembra facile! Il problema è restare in piedi allineati, senza crollare, col peso ben distribuito. E dato che Yoga è unione di corpo e mente, in Tadasana è protagonista anche la mente, che si placa  e  si mette ad ascoltare il corpo. Coglie le aree di tensione, i dolori vecchi e nuovi dovuti alla corsa. In Tadasana, mente e corpo si rilassano, aiutati dal respiro lungo, lento e profondo, rendendoci fermi e maestosi come una montagna.

Trovate qui un video in cui Tite Togni spiega proprio ai runner come fare Tadasana al meglio  (si, l’audio non è dei migliori,  è un’occasione per sviluppare la concentrazione e magari vederlo più volte).  Se poi avete voglia di leggere una spiegazione dettagliata, ecco il link  allo Yoga Journal (un sito che vale la pena di visitare…). Altri riferimenti per il post li ho presi da uno dei miei manuali preferiti,  "Kundalini Yoga" di Satya Singh, BIS Edizioni.

PS Ma quanti tipi di yoga ci sono? Intanto chiariamo che lo yoga è uno….. presto aggiungerò’ altre cose!

PS Perché nella foto in Tadasana sto a occhi chiusi? Perché è un modo di lavorare più a fondo sull’equilibrio!