Per Pasquetta Gara Sociale a Casterno di Robecco

XIV° CROSS DEL VALLONE

Anche quest'anno, il Cardacampionato, giunto alla terza edizione, si apre con il Cross del Vallone, organizzato dall'Atletica Verbano ed inserito come quinta prova del Trofeo Monga e valevole come Campionato Regionale Individuale Master e Criterium Regionale a squadre.
Noi come Cardatletica siamo presenti in undici, divisi in tutte e tre le gare odierne



La cornice di pubblico come sempre è eccezionale in questo piccolo angolo di prato appena sopra Cittiglio e un filo di neve e un cielo terso da il via alla prima gara in programma, la prova per gli over SM60, sulla distanza di 4 km (due giri).
Per i nostri colori, troviamo Roberto Bosco, che sempre più proiettato verso il Passatore, chiude il suo cross in 23'41" (30° di categoria e 53° assoluto), togliendosi lo sfizio di raggiungere la vetta solitaria del Cardacampionato, grazie ai 50 punti conquistati e il bonus per il cardarecord sulla mezza di settimana scorsa.
La gara è stata vinta da Leandro Sgrò (17'19") su Franco Possoni e Giuseppe Macchi.



La seconda gara in programma (sulla distanza di 6km e tre giri del tracciato) prende il via con un attimo di ritardo, causa l'innalzarsi di un vento impetuoso, che comincia, letteralmente a spazzare via le strisce che delimitano il percorso... Qui i cardatleti presenti sono ben 9.
Il più lesto di tutti è il nostro presidente Enea, che chiude in 23'16" (7° di categoria e 17° assoluto)



Seguito a ruota dal Màtt, che riesce a recuperare giro su giro fino a portarsi a soli 5 secondi di distacco: 23'21" (2° posto di categoria e 22° assoluto).



Alle loro spalle, distanziato di un paio di minuti, arriva Mario che con un 25'14" (15° di categoria e 62° assoluto) riesce a portarsi alla terza posizione (grazie agli abbuoni) del Cardacampionato.



Meno di trenta secondi (29 per l'esattezza) ed arriva anche il fratello Antonio, in 25'43" (23° di categoria e 92° assoluto). Queste trenta posizioni in 29 secondi ci fanno capire come il livello della manifestazione, per chi corre ai vicino ai 4 al mille, sia davvero alto.



Subito a ruota ed entro i cento arrivati, taglia il traguardo Giuseppe in 26'08" (29° di categoria e 97° assoluto) che sta facendo vedere un'ottima forma in questo inizio di stagione.



Per chi invece arriva al ridosso dei 5 min/km le difficoltà aumentano, anche perché il vento raggiunge livelli molto forti (si vocifera su raffiche da 80km/h), che provocano molti danni alle tensostrutture degli organizzazioni ed ai gazebo delle società.
Pietro conclude i suoi tre giri in 28'02" (40° di categoria e 163° assoluto), sotto i 5km/min



Appena sopra i 5min/km invece per il webmaster Omar in 30'06" (29° di categoria e 216° assoluto).



Fatica portata a termine anche per il Claudio in 31'51" (47° di categoria e 239° assoluto)



E per l'Aldo in 33'42" (61° di categoria e 262° assoluto)



La gara uomini è stata vinta da vinta da Graziano Zugnoni (21'01") su Ronnie Fochi (21'08") e Salvatore Gambino; da segnalare un ottima 24'25" per Giacomo Lia 
La gara donne (ultima prevista sulla distanza dei 4 km), prende il via con un notevole ritardo: il vento non diminuisce, anzi aumenta a dismisura e di strisce di segnalazione ne rimangono ben poche: quindi un fuoristrada guidato dal Luca servirà come staffetta di apertura gara (tenuto a debita distanza), mentre la maggior parte dei runners presenti, diventeranno dei veri e propri picchetti viventi, definiti dall'organizzazione "il primo esperimento di segnaletica dinamica in autogestione"
Alla gara donne, prende il via la nostra Lorena, che chiude la sua fatica in 23'15" (16a di categoria e 61a all'arrivo)
 


La gara donne è stata vinta da Elena Begnis (16'58") su Barbara Corsini (17'26") e Simo Barac (17'36"); da segnalare il 17° e il 25° posto per le atlete Athlon Laura e Katia.



Per maggiori informazioni, si consiglia il sito dedicato della società organizzatrice

ATLETICA VERBANO

con le classifiche complete a cura di OTC

Le foto presenti su questo articolo, e molte altre ancora, le potete trovare qui

FOTO by ARTURO BARBIERI