24 alla Cardacrucca Internos
Chigio e Beppe a Duno

CARDACRUCCA 2020

Prima domenica di ottobre: dal 2013 (eccetto una piccola parentesi), è sinonimo di Cardacrucca. Quest'anno per ovvie ragioni la mitica gara che percorre i sentieri di via Gaggio, che costeggia Malpensa e il Ticino e che si arrampica fino al belvedere di Tornavento non si è potuta disputare. Ma la Cardatletica c'era, presente, per trascorrere una mattinata in compagnia con la nostra passione, la corsa. Tutti insieme nelle foto di gruppo e voi via a darci battaglia nel percorso di circa 6,6 km: non quello originale, ma un vai e vieni in via Gaggio per incontrarci, salutarci ed incitarci tra chi va veloce e chi un po' meno.

Partendo dal ritrovo, alle 9 presso il nostro sponsor, il BAR DELL'ALTIPIANO, che ci accoglie con lo striscione dedicato ai runners della Cardacrucca.



Poi alle 9.15 il giro di riscaldamento, che coincide con la gara dei ragazzi: partenza, dogana, discesa delle ripetute in salita (e qui siamo agli amarcord del 2012), ponte, canale e belvedere. Tutti in fila indiana, poi in due vanno in fuga: sono Aldo e la Francy, che ci scatta questa stupenda foto.



Ore 9.35... un po' in ritardo sulla tabella di marcia... ultima foto con lo striscione e poi via, verso la linea di partenza.



Ed eccoci qui, per la prima volta, mai così tanti Cardatleti partecipano alla Cardacrucca... di solito siamo sempre impegnati, chi sul percorso, chi in zona iscrizioni, chi in zona arrivo e chi in zona ristoro... 



Ore 9.45... Abbiamo sforato la tabella di marcia... e ci siamo ricascati nuovamente! Per chi non se lo ricorda, edizione 2013, la prima, ci auguravamo 300 persone, e le oltre 630 arrivate hanno fatto si che la partenza fosse rimandata di un quarto d'ora per permettere a tutti di iscriversi alla gara. Quindi, tre, due, uno e VIA!!!



La gara parte veloce, e già nel primo rettilineo le posizioni si allungano e si formano dei piccoli gruppetti, curva della dogana a destra e lunghissimo rettilineo verso il parcheggio di via Gaggio, luogo storico del primo ristoro: infatti il giro di boa sarà la fontanella.

Chi l'ha già girata torna indietro per la medesima strada, salutando chi ci deve ancora arrivare; poi dopo essere arrivati alla dogana, giù per la discesa, dove nel lontano 2012 ci allenavamo (in pratica l'Enea ci allenava) a fare le ripetute e gli allunghi in salita, e tra un lavoro e un altro stava per nascere la nostra società.

Passato il ponte, subito a sinistra imbocchiamo il sentiero che costeggia il canale, dove c'è la STEFY ad incitarci, il lungo sentiero ci porterà all'ultimo ponte e dopo gli scalini all'arrivo in Piazza del Belvedere.

A tagliare per primo il traguardo, il dominatore degli ultimi Cardacampionati: GIUSEPPE DUCHINI [foto di Valentina Antoniotti]



Alle sue spalle, il cardacuoco ZAKARIA ZAKRI



Seguito a ruota dal sempreverde ANTONIO VASI



Poi c'è gara ad inseguimento: alla fine a spuntarla è MATTEO BOSCO



Su JONATHAN MASULLO.



Poi è la volta di due amici che hanno partecipato al nostro allenamento collettivo, si tratta di Alessandro Mazzoleni e Carlo Ingrassia; che precedono la coppia CLAUDIO DI TRANI e GIOVANNI ABIS.



Altra gara di rimonta per ENEA ZAMPINI.



Che supera nel finale VINCENZO SPECIALE.



Poi è la volta del trio del 78 (anche se il Dario è più giovane lo tiriamo dentro), composto da ONOFRIO MURGIDA, DARIO MARCHETTO e OMAR SPOTI.



A seguire, a poca distanza, DANILO ALESSANDRO BRUTTI.



Poi altra coppia che si separa leggermente all'arrivo: il pres ALESSANDRO MASTRI, taglia il traguardo davanti ad ALAN FERRI.



Conclude la scalinata anche ANDREA PASSERINI.



Dopo il secondo posto al fotofinish nel giro di riscaldamento, ALDO SECCI si vendica!



Sulla prima Cardaladies FRANCESCA MAZZACANI.



Il Maestro PIETRO FORTUNATO, dopo aver accompagnato le sue ragazze, (qui con MARTA DURANI) si concede l'arrivo in solitaria.



MARTA DURANI, dopo aver effettuato anche i due km di riscaldamento, taglia il traguardo al fotofinish con CECILIA PASSERINI.



Altra coppia per tutta la gara è quella che vede l'arrivo di ELISABETTA PIGNI con ENRICO DURANI.



E a chiudere la Cardatruppa, GIUSEPPE SANNA.



Come di rito, la foto finale; come sempre manca qualcuno: non si sa se stia cercando il ristoro all'oratorio oppure era alle prese con defaticamento. [foto Alessandro Marcandalli]



Che dire: oggi 7 ottobre 2020 festeggiamo otto anni della Cardatletica: tanti auguri a noi!!!