Alla luce nel nuovo protocollo organizzativo temporaneo, non stadia, pubblicato il 7 settembre 2021, si informa che per partecipare all'ottava edizione della Cardacrucca, bisogna disporre della certificazione verde CoVID-19 (green pass, guarigione da Sars-CoV-2 o test molecolare negativo con validità di 48 ore.
Per ISCRIVERSI alla CARDACRUCCA, cliccare sull'immagine qui sopra
RIPRENDONO IL 20 SETTEMBRE le attività del SETTORE GIOVANILE
PROSSIMA GARA SOCIALE: Venerdì 10 SETTEMBRE a BORSANO

3000 VIRTUAL

Quello che manca ad una società di atletica in questo periodo è la condivisione: l'atletica, la corsa, sono sport prettamente individuali, dove ognuno cerca di superare i propri limiti; però l'iscriversi ad una società di atletica porta alla condivisione, al doversi confrontare con persone che corrono più o meno veloce di te, a chiedere consigli, a darli, a trovarsi per un allenamento, per una gara e a trovare le ultime energie residue quando proprio non se ne ha più.
Tutto questo ci manca, ci manca maledettamente, ma dobbiamo stringere i denti: pensare alla fortuna che abbiamo ed aspettare che arrivino tempi migliori.
Però una cosa possiamo farla, e l'abbiamo fatta settimana scorsa: una gara, ognuno contro se stesso ma ognuno consapevole di dover dare tutto per onorare la maglia, anche se si è corso su un rettilineo desolato, in zona industriale o al limitare del bosco; per poi controllare la classifica e dire: "cavoli quanto sono andato forte", "se mi impegnavo un po' di più lo battevo quello", "solo 5 secondi? Domani riesco e glie ne do dieci".
E così smaltita la "Pasqua con i tuoi" ogni cardatleta ha corso il suo personale 3000 metri, sul suo percorso, tra lunedì dell'Angelo e domenica 10 aprile.
La classifica aggiornata giorno per giorno (dai, quasi diciamo), poi ha dato lo stimolo per superarsi, ma anche lo stimolo del "ci voglio provare anch'io!"; e questo ha portato alla partecipazione con tempo di 30 cardatleti.
Qui sotto riporto la classifica della prova, suddivisa tra Cardaladies e Cardamen, però quello che più ci è piaciuto, sono le facce, piene di gioia anche solo per un momento. Continuate così, che a breve (speriamo) si ritorna a battagliare con le scarpe da running ai piedi!