Per Pasquetta Gara Sociale a Casterno di Robecco

STRALIVIGNO del GIO' - 2015

Ed un'altra gara è spuntata...

Quest'anno era iniziato con tante idee e tanti sogni, forse troppi tanto da farmi perdere orientamento stimoli e concentrazione.
E così capita di ritornare alle origini, al piede d'oro che tanto mi ha dato non solo sportivamente, ma anche umanamente, e ritrovare il piacere di correre qualche garetta e tra un podio, una battaglia con qualche amico/avversario ci si fa prendere la mano (o meglio il piede...) e così dei tanti sogni iniziali qualcuno svanisce, altri rimangono nel cassetto altri invece riescono a conquistare l'etichetta di esauditi e tra questi dopo piccole grandi gare (Monclassic, Angera, Girolaghiamo, Tra ville e giardini giusto x citarne alcune) ce n'è una con la iniziale maiuscola, anzi tutta maiuscola.

STRALIVIGNO

La mezza in altura è definita... a tratti ho pensato che poi non era troppo differente da quelle gare misto asfalto sterrato saliscendi delle nostre zone dal web avevo raccolto qualche info, lo scorso anno ero stato con la mia dolce metà nel paesino montano per un weekend: quindi avevo una vaga idea.... vaga ecco... è un parolone!



Tanto sterrato e tanta salita di quella vera da camminare con mani sulle ginocchia che però hanno ripagato lo sforzo con paesaggi spettacolari. E poi il tifo del pubblico, alla partenza e all'arrivo ma anche i bambini ai ristori che festanti dispensavano bottiglie di acqua ed energico entusiasmo sottoforma di salti urla e sorrisi.
Persino le mucche al pascolo non si sono risparmiate facendo suonare le loro campane. Per poi attraversare un ruscello, fare una curva e trovarsi nel silenzio a contatto con la natura.
Oltre alla scarsa conoscenza del tracciato la preparazione non è stata proprio da tabella o da manuale... ma si sa i sogni poiché non reali hanno la facoltà di concedere più del normale.


Foto su PodistiValtellinesi.it

E così dopo i primi km un po' in affanno ad entrare in sintonia con gli elementi circostanti (sole,vento: rigorosamente contrario, terra da macinare sotto le suole) il sogno è proseguito nel modo migliore: recuperando 2 o 3 posizioni nella seconda metà di gara, ricevendo gli incitamenti di un tifoso/spettatore di eccezione del calibro di Marco De Gasperi per concludersi con le braccia al cielo anzi ancora meglio tra le braccia di una principessa!!! se no che sogno sarebbe!!!