GARA SOCIALE a SAMARATE: MATT quarto assoluto
CLAUDIA GELSOMINO vince la serale del Giro del lago di Comabbio

STRAMILANO 2016

Domenica ha Milano si è svolta una delle più importanti, nonchè storica, mezza maratona della Lombardia: la STRAMILANO. A presenziare con i nostri colori due Atleti, GIOVANNI VANINI e VINCENZO SPECIALE.

Tutti e due hanno ottenuto degli ottimi risultati: GIOVANNI ha sfiorato il tempo fatto segnare solo un mese fa a Vittuone, ma con il 1h12'54" si piazza al terzo posto di tutti i tempi nella classifica delle mezze dei cardatleti (occupando così le prime sei posizioni).

VINCENZO dal canto suo sgretola il suo precedente primato ottenuto l'anno scorso a Barcellona di quasi due minuti, facendo registrare un ottimo 1h27'51"

Ecco le parole dei due protagonisti:

Sfatiamo subito un falso mito: correre a Milano non è sinonimo di prendere insulti... tutt'altro! Tanto tanto pubblico ad applaudire lungo tutto il percorso, comprese le persone alle fermate dei mezzi pubblici costrette a lunghe attese per "colpa" di noi runners.

Forse come ha detto lo speaker prima della partenza: oggi Milano non è la città caotica che tutti conosciamo. “Stamattina  a milano ho visto 60 mila sorrisi”! É il potere del nostro sport, capace di invadere silenziosamente e con tanti colori le grigie strade della city (per dirla alla milanese imbruttito).

Arrivato a destinazione con largo anticipo, sono riuscito a godermi l'atmosfera della grande manifestazione: striscioni lungo le transenne e poi quando ero già in griglia, l'arrivo dei BIG, quelli veri.

Il via è dato da un colpo di cannone: ed in effetti si parte subito velocissimi, tutti desiderosi di scaricare al suolo l'adrenalina e la tensione della lunga attesa. L'andata e ritorno lungo Corso Sempione con il pubblico ma anche gli altri 6000 e più atleti a dar coraggio: è una immagine che si imprime nella mente con forza ma che lascia spazio alla visione della strada da percorrere tra palazzi, edifici, viali mai visti per me in veste di runner.

Non guardo l'orologio anche perché sfasato rispetto ai cartelli chilometrici: la sensazione è quella di essere un po' veloci ma mi dico che devo esserlo se voglio realizzare un'impresa.

Rimarrà a metà perché, complice il caldo, la fatica si fa sentire nel finale. Ma la gioia di aver messo la spunta su questa gara a cui da anni aspiravo è la conferma che la strada che sto percorrendo è quella giusta; aggiungono un altro sorriso alla lista di quelli presenti domenica a milano

[ Gio' ]



Polverizzato il precedente PB, diciamo che è filato tutto liscio, tranne un piccolo errore per il passaggio troppo veloce ai 10000 in 40'; avevamo programmato con il coach LUCA una media di 4'05" e questo ritmo troppo spinto mi ha costretto a cedere qualcosina dopo il tredicesimo chilometro, intorno ai 4'10". Comunque sono riuscito a contenere e pensavo di fare un po' meglio, ma mi ha tradito il fatto che il mio Gps mi ha dato una misurazione di 600m in più, che calcolata sulla media di 4' al km, sono quasi due minuti in più... Grazie al Coach LUCA e complimenti al GIO'.

[ VINCE ]